La menopausa porta a dei cambiamenti fisici importanti nel corpo di una donna.

Uno degli argomenti che maggiormente mi affascina dal punto di vista metabolico è la menopausa.

Moltissime mie pazienti mi dicono che con la menopausa hanno avuto un cambiamento radicale dello stato fisico e psichico.

È però soprattutto il fatto fisico quello che cattura maggiormente la mia attenzione.

La menopausa crea alterazioni ormonali.

Molte sono note: non ci sono più le mestruazioni.

Altre sono meno note ma più subdole:

  • la diminuzione del GH che è un ormone che toglie grasso;
  • l’aumento del cortisolo che aumenta il grasso nella pancia;
  • la trasformazione degli ormoni femminili in ormoni maschili (che aumenta anche questo il deposito di grasso nella pancia);
  • la perdita del metabolismo di base.

Bisogna sapere che con la menopausa la donna perde 200 calorie di metabolismo di base. Perché? Perché c’è un enzima che si chiama lipoproteina lipasi che trasforma i muscoli in grasso, cioè riesce a far entrare il grasso all’interno dei muscoli e noi sappiamo che il muscolo è uno degli organi principali della metabolizzazione del grasso. L’effetto è una diminuzione del metabolismo di base.

Sembra, detto così, un processo irreversibile ma non lo è.

Con alcune indicazioni giuste, che un bravo nutrizionista riesce a dare, si può evitare e combattere in maniera attiva questa modificazione fisiologica.

La menopausa fa parte della fisiologia dell’organismo umano.

Con dei piccoli accorgimenti e con degli sforzi minimi possiamo riportarla ad un livello normale, evitando quell’accumulo di grasso nella pancia che non solo è anti-estetico ma è soprattutto grasso viscerale (che mina profondamente il nostro stato di benessere fisico e di salute).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento