Oggi parliamo del pasto più importante della giornata nella mia intervista a Colazione da Simona su Rai Isoradio

Come fare una colazione sana ma buona

Arriva l‘estate ⛱ e quest’anno complice le molte ore passate in casa per colpa della pandemia notiamo che i chili da smaltire sono più del solito!

Le domande degli ascoltatori sulla colazione del mattino e le risposte del Dr. Paolo Accornero

Del sovrappeso ci si dovrebbe preoccupare sempre, e solo secondariamente per motivi estetici: prima di tutto per condurre una vita sana, lontana da malattie croniche e dalle molteplici complicanze che l’eccesso di grasso comporta per la nostra salute.

Perchè le diete che promettono di perdere molti kg in pochi giorni non funzionano?

Quando si parla di “dieta” spesso ci facciamo influenzare dal risultato rapido tipo “15 kg in 7 giorni”.
La finalità di una dieta è quella di perdere il grasso in eccesso.
Un kg di grasso equivale a 7mila calorie perse: se moltiplico 15×7 dovrei perdere 105 mila calorie, ovvero quello che perde un corridore durante il Tour de France.
Ma un soggetto che fa una dieta come quella promessa non sta facendo uno sforzo fisico del genere, per cui in questo modo perde anche tanta massa muscolare e quando noi perdiamo muscoli il nostro sistema nervoso centrale desidera mangiare per reintegrare le scorte perse ed è questo il motivo che queste diete “perdi molti chili in pochi giorni” non sono sostenibili nel tempo.
Quando cominciamo una dieta dobbiamo domandarci: “quanto è sostenibile per me”? Se la dieta non è sostenibile l’esito è un effetto denominato “overshooting” (letteralmente “andare oltre il bersaglio”) per cui al termine della dieta riprenderò i chili persi e anzi aumenterò molto di più la massa grassa.

Domanda: “una frittata con fette di pane va bene?”

Le uova sono un alimento biologicamente ricco, per cui vanno benissimo (possibilmente limitando al massimo il condimento). Per quanto riguarda il pane, meglio se integrale e non di produzione industriale. Per completare aggiungerei un frutto.
Come dice anche il famoso immunologo dr. Mantovani, per garantirsi una vita sana, seguire la semplice regola quotidiana “0 5 30”: zero fumo, 5 porzioni di frutta e verdura, 30 minuti attività fisica. Per non ingrassare e mantenere il peso forma.

Domanda: “in tempi di pandemia, per rafforzare il sistema immunitario, cosa è preferibile mangiare al mattino?”

E’ stato riscontrato che la popolazione italiana in questo difficile periodo è aumentata di 1-2 kg perché le persone hanno usato il cibo come strumento di conforto.
La colazione è il pasto principale della giornata e in Italia viene consumata principalmente una colazione dolce, assumendo purtroppo in molti casi brioche e biscotti di produzione industriale, al punto che gli spot pubblicitari di questi prodotti mostrano immagini di sicurezza e serenità che incidono sul nostro cervello e di conseguenza sulle nostre scelte alimentari.
Non denigro la colazione dolce al mattino però aggiungiamo almeno delle proteine e della frutta, ricca di fibre e importantissima per il nostro sistema intestinale.

Domanda: “da sempre, quando mi alzo bevo caffelatte con biscotti, va bene?

I biscotti vengono spesso introdotti nella colazione perché alle persone restituiscono un senso di “sicurezza“.
Una parte dolce, come dicevo, è accettabile (possibilmente con preparati non industriali) ma frutta e soprattutto la componente proteica non deve mai mancare. Per una colazione sana e non rischiare di ingrassare, se proprio non si può fare a meno dei prodotti da forno, optare per quelli fatti in casa o comunque non di produzione industriale.

Domanda: “Nella mia colazione del mattino uso latte scremato con orzo solubile e 5 biscotti secchi; a metà mattino un frutto; a pranzo solo primo e contorno scondito; a cena un secondo con pane e frutta.
Va bene per non ingrassare?

E’ una buona dieta, magari aggiungendo proteine anche a colazione e a pranzo e a condizione che si faccia anche attività fisica.
La proteina ci serve perché invecchiando perdiamo testosterone (che si comincia a perdere già attorno ai 35 anni) portanto ad un catabolismo proteico cioè ad una perdita di muscolo.
Il contenimento delle calorie riguarda soprattutto coloro che fanno una vita sedentaria, anche nella professione lavorativa.
Per la prevenzione di molte malattie croniche e dei tumori il minimo esercizio consiste in 30′ di attività fisica CONTINUATIVA al giorno.

Domanda: “spuntini frequenti durante il giorno aumentano il metabolismo?”

Gli alimenti che aumentano il metabolimso sono quelli che stimolano l’effetto termico del cibo, per esempio: se mangio pane integrale o mangio una proteina, prima di essere utilizzati dall’organismo devono essere processati, questo processo fa perdere energia. Ciò avviene solo per cibi naturali e cibi integrali e proteine.
Se mangio biscotti industriali per esempio che è tutta farina raffinata e grasso, l’effetto termico è quasi nullo.

Domanda: “a colazione mezza baguette tre fette di pollo e pancake con crema di pistacchio. Non rischio di prendere peso?”

Dipende da quante calorie brucia durante il giorno, con sport, attività fisica anche lavorativa, occupazioni quotidiane, ecc.
E’ corretto preoccuparsi di quello che si mangia con la dieta dieta ma cosa altrettanto importante è l’attività fisica.

Domanda: “sono celiaca, la mia colazione del mattino consiste in cereali e cappuccio verso le 5.30 poi dopo mezz’ora uovo crudo e caffè. Mi fa ingrassare?

Benissimo, magari con un frutto a metà mattinata, e sempre tutto in relazione a quanto si consuma durante la giornata.

Domanda: “mangio correttamente e ogni tanto mi permetto un pezzo di cioccolato però non svolgo attività fisica sportiva anche se facendo l’imbianchino sono in movimento tutto il giorno. “

Se un soggetto svolge attività lavorativa impegnativa, con un impegno fisico rilevante, ad esempio muratore, operaio, piastrellista, ecc. vengono bruciate già molte calorie sul lavoro.
Coloro che svolgono un’attività lavorativa sedentaria (impiegati, settore trasporti, ecc.) hanno invece bisogno di fare movimento per bruciare calorie per motivi metabolici e far funzionare il sistema cardiocircolatorio.
E’ stato dimostrato che nelle categorie di lavoratori più sedentari si sviluppano malattie come ipertensione e diabete sono superiori rispetto ad altre categorie.

Domanda: “brucio 4mila calorie al giorno tra lavoro e sport e mangio a pranzo pasta integrale, bresaola e frutta. A cena verdura, bresaola e pane integrale“.

Con questa alimentazione non arriva neppure a 2mila calorie, quindi a mio avviso mangia troppo poco.

Domanda: “se una persona ha difficoltà a camminare può fare della bici per dimagrire?”

Certo, bicicletta, handbike, vanno benissimo. Bisogna muoversi: camminare, nuotare, fare ginnastica.
Il movimento fisico viene prima di tutto.

Domanda: “per togliere il gonfiore da assunzione di medicinali cosa si può fare?”

Quando assumiamo farmaci, soprattutto ad esempio gli inibitori di pompa, andiamo ad azzerare la flora batterica intestinale. Ecco perché molto spesso prendendo i farmaci il nostro intestino si infiamma.
Dobbiamo allora stare attenti all’alimentazione perché i cibi che si trasformano rapidamente in zucchero, in pratica i prodotti industriali da forno, aumentano la flora intestinale cattiva che che porta ad una serie di disturbi a livello intestinale e poi a livello di sistema nervoso centrale.
Quindi masticare adagio, aumentare frutta e verdura e carboidrati integrali e movimento fisico per migliorare la flora batterica intestinale.

In conclusione

Possiamo dire che è impensabile che l’accumulo di peso avvenuto in anni di assunzione di cibo sbagliato possa essere risolto in pochi giorni con una dieta miracolosa, che è quello che purtroppo molte diete propongono con risultati impossibili da conseguire.

La dieta bruciagrassi in pochi giorni e mangiando quello che si vuole non esiste ed anzi può essere dannosa per la salute.

La dieta è prima di tutto uno stile di vita, noi dovremmo stare sempre a dieta, ovvero assumere la quantità di calorie che corrispondono al nostro reale fabbisogno quotidiano e alimenti biologicamente ricchi di nutrienti. Ogni tanto è concesso “sgarrare”, uscendo da questa dieta, a condizione che si sappia riprendere la dieta quotidiana.

La colazione del mattino è il pasto più importante per cui è fondamentale che sia bilanciato e contenga tutti i macronutrienti, lasciando al proprio gusto e preferenze personali la scelta dei singoli alimenti che la compongono. L’aiuto di un medico nutrizionista può senz’altro essere utile nella composizione della dieta da seguire e nel monitoraggio, almeno per i primi tempi.

Potete riascoltare questa e altre puntate della trasmissione “A colazione da Simona” sul podcast di Raiplay

INFORMAZIONI & PRENOTAZIONE VISITE

Clicca per aggiungere il tuo testo qui

Sommario
Cosa mangiare a colazione per dimagrire
Titolo
Cosa mangiare a colazione per dimagrire
Descrizione
La colazione è il pasto principale della giornata: con i corretti alimenti si può fare una colazione sana, bilanciata e nutriente che non fa ingrassare
Autore